• Cristine Spiezia

LA GIUNGLA DELLE CERTIFICAZIONI YOGA

COME SCEGLIERE?

TI PIACEREBBE?

Ti piacerebbe intraprendere un percorso più approfondito riguardo lo yoga sia per insegnare ma soprattutto per conoscere questa disciplina antichissima? Ormai sono tantissime scuole yoga che offrono svariati percorsi, addirittura in pochi week end promettono di darti certificazioni per diventare insegnante, ed è molto allettante vero?

  • Ma con che capacità si esce da questi percorsi?

  • Che cosa hai appreso realmente?

INSEGNAMENTO

La stessa capacità di trasmettere l'insegnamento è di per sé un dono o una qualità che si apprende con l'esperienza. Come dire che con un intensivo di cucina si diventa Cannavacciuolo! Come puoi immaginare non è proprio così... Ci vuole tempo, passione, tanta dedizione, principalmente alla scoperta di sé stessi e di ciò che lo yoga può dare alla tua vita. È una scienza che va applicata, digerita, che ti trasforma, ti abbatte per poi ricostruirti. È un continuo levare, spogliare, arrivare all'essenza di sé stessi con immenso amore e fatica. Un lavoro di una vita insomma. Noi stessi, che insegniamo da anni, ci sentiamo sempre studenti e cerchiamo di far sì che i nostri allievi diventino autosufficienti, prendendo semplicemente spunto dalla nostra esperienza che ha qualche anno in più.


PARLANDO DI CERTIFICAZIONI

lo stesso mondo delle scuole yoga si è diviso in due: c'è chi è favorevole e chi assolutamente se n'è discostato, saturati a mio avviso dalla facilità e poca serietà con il quale viene rilasciato un attestato che di per sé, appunto non vale molto se manca l'esperienza reale.

Ci sono scuole e associazioni che cercano di dare un valore esperienziale e serio alla scuola, esattamente come può avvenire in ambito universitario. Le certificazioni non sono tutto sicuramente, ma senza avere uno standard da seguire, serio e con una certa metodica, come ogni percorso di studio accademico, non si può pretendere di formare futuri insegnanti.

Certamente si possono apprendere le stesse nozioni senza essere certificato, ma questo allora vale anche per esempio per un fisioterapista. Voi andreste da uno fisioterapista "certificato" oppure da un appassionato di fisioterapia, pur bravo che sia? Non voglio paragonare lo Yoga alla fisioterapia, né dire che senza essere certificati l'insegnante non è valido.

Ci sono insegnanti di yoga eccezionali che hanno passato una vita nello studio del se e hanno un'incredibile capacità di trasmettere pur non sapendo cosa sia (e ne riderebbero probabilmente) una certificazione yoga. Ma oggi quanti ne conosciamo?