• Bettina Pfaff

MEDITAZIONE

IL QUI ED ORA

Rimanere fermi, immobili e concentrati per mezz’ora, cercando di distogliere la mente dal suo solito girovagare per ritirarla nel nostro mondo interiore, è una difficile impresa! Già dopo pochi minuti il corpo non abituato a tale disciplina comincia ad agitarsi, mescolando i pensieri, scuotendo le onde mentali con dubbi, perplessità e interrogativi.


Ogni meta va conquistata attraverso una disciplina rigorosa, con immensa pazienza e fede. Siamo sfiancati da una vita sconnessa, che ci sopraffà con promesse e mete fasulle, che insinua desideri irraggiungibili, trascinando il nostro povero cuore agli estremi della sopportazione mentale e sentimentale. La mente, tutto nasce e dipende dalla mente! Tutto il nostro Universo è il prodotto della mente! Se la mia mente è calma, anche il mio mondo si rispecchia nella quiete – se sono agitata e nervosa leggo nei volti che incontro la stessa inquietudine e confusione.

Yoga Citta Vritti Nirodha

Yoga è l’Acquietamento delle Fluttuazioni Mentali

Così definì Patanjali circa 6000 anni fa la Scienza Yogica!


Un grande desiderio di pace e felicità pulsa nelle vene di ogni essere vivente. Rincorriamo freneticamente la vita, sul lavoro, in casa. Qualsiasi cosa intraprendiamo è solo per ottenere l’anelata FELICITA’, che, però, ci sfugge inevitabilmente tra le mani come sabbia, ogniqualvolta pensiamo di averla in pugno. Un desiderio rincorre l’altro, non siamo mai veramente soddisfatti, la gioia cammina a braccetto con il dolore!

Questa certezza della vacuità e futilità della materia, che non riesce a concretizzarsi in alcuna serenità o pace duratura, e che ci lascia inevitabilmente a bocca asciutta, fa scaturire in noi una più accanita ricerca verso il Vero Senso della Vita. Se non la troviamo al di fuori allora l’unica via porta alla ricerca dentro noi stessi!


A quel punto il terreno della meditazione, coltivato dalla vita stessa, arato dal dolore, innaffiato dalle nostre lacrime, e seminato dalla speranza, fa nascere il Fiore dello Yoga. Questo Fiore, ovviamente, va protetto dalle intemperie dell’ira, rabbia, gelosia ed invidia. Salvaguardiamo la mente, schermandola con la consapevolezza e la forza dei Mantra (p.e. So Ham), ricordandoci in ogni momento che siamo una piccola goccia, ma che apparteniamo all’oceano, all’Amore Divino Onnipervadente.


Gradualmente e con grande dolcezza possiamo addestrare il corpo e la mente, tessendo l’abitudine della introspezione e della meditazione. Ciò che inizialmente sembrava uno sforzo con il tempo diventa un nostro bisogno per essere sempre più sereni e in pace con noi stessi. Lo Yoga ci offre dei mezzi splenditi e di grande portata per superare i confini intimidatori della mente.


Se lavoriamo con un cuore puro, se affianchiamo alla vita una spiccata consapevolezza cercando di scorgere in ogni evento la scintilla divina, se ogni tanto ci concediamo qualche attimo solo per noi stessi per ascoltare il respiro della Vita, possiamo instillare il nettare della positività nelle nostre cellule… e allora, la grazia divina ci accoglierà a braccia aperte!

<